Gary the Rat

Da WikiFur.
(Reindirizzamento da Gary The Rat)
Logo del titolo.

Gary the Rat è una serie di cartoni animati per adulti mandata in onda nel 2003 su Spike TV e durato poco a causa del suo insuccesso.
Gary The Rat nasce come web cartoon creato dalla eStudio e poi trasportato in TV dalla Spike Animation Studio. La sua corta serie comprende 13 puntate della durata di 30 minuti circa, con il tredicesimo episodio che segna una fine definitiva non solo per la serie, ma anche per l'intero cartone.

Oltre ai 13 episodi "standard" la serie prevede anche due corti speciali intitolati Lost Episodes, della durata di 5 minuti, che utilizzano una grafica diversa sperimentando in uno ombre e colori sfumati, e nell'altro una lineart spessa e cupa alla "fumetti Marvel", entrambi a discapito dell'animazione, ancora più trascurata.

Nella sottocultura furry, specialmente quella americana, la serie ha avuto un impatto positivo: è stata premiata nel 2003 dall'Ursa Major Awards come Miglior serie furry drammatica.

Trama[modifica]

L'avvocato di Wall Street Gary Andrews (doppiato da Kelsey Grammer, che in America è anche la voce di Telespalla Bob nel cartone dei Simpson) scopre una sera di essersi improvvisamente trasformato in un ratto antropomorfo gigante, assumendone non solo l'aspetto, ma anche qualche abitudine e punti di forza di questo animale: riflessi pronti, olfatto potente, ed una forte coda con cui attaccare; inoltre, in alcune puntate lo si vede interagire anche con altri ratti, segno che la trasformazione lo ha reso capace di comunicare con i suoi simili.
In ogni caso, il ratto è comunque un simbolo di pestilenza, sporcizia e decadenza, e la città di New York non è certo contenta vedere un ratto gigante girare per le strade.
Il perché e il come della trasformazione non vengono mai spiegati nella serie, anche se qualcosa viene accennato nella prima puntata, quando Gary visita un monaco buddista in cerca di un "antidoto" per ritornare l'essere umano di prima. Questi spiega che, in alcune culture, si pensa che le persone che abbiano avuto comportamenti negativi e disonesti rinascano poi sotto forma di creature infime, come vari insetti o appunto, ratti.

Personaggi[modifica]

Gary è l'unico personaggio antropomorfo del cartone: essendo un avvocato difensore di gran fama, l'ex-umano non può permettersi di perdere i suoi casi, anche quando i suoi clienti sono davvero colpevoli, ricorrendo così a stratagemmi disonesti, corruzioni e discorsi assurdi pieni di vuota ma efficace retorica. Fuori dal lavoro, Gary tratta con sufficienza e freddezza chiunque gli stia attorno, studiando ogni volta come approfittare della gente o come liberarsene. Anche se non si sa bene quale sia stato l'esatto incantesimo, non stupisce che una persona così abbia perso la sua "umanità" per diventare un animale che più gli rispecchia. Altri personaggi ricorrenti, sebbene umani, sono:

  • Il signor Harrison, capo dell'agenzia in cui lavora Gary, che lo prende in giro per il suo aspetto animalesco e costringe il ratto a partecipare in casi assurdi pur di far crescere la fama della sua azienda;
  • Bud, uno sciocco ragazzo delle consegne che continua a confondere Gary per un cane gigante. Gary offre spesso mance al ragazzo a patto che si suicidi in vari modi;
  • Il signor Pinksdale, vicino di casa di Gary che non sopporta avere il ratto come coinquilino e che ha ingaggiato uno sterminatore per liberarsene;
  • Bugz è lo sterminatore in questione che in tutte le puntate cerca di uccidere Gary con piani che finiscono con l'uccidere persone innocenti, ferire lo stesso Bugz, ma mai colpire Gary. Ha un gatto di nome Bootsy.

Lista episodi[modifica]

Di seguito, la lista completa degli episodi con titolo originale.

  1. Manratten
  2. Inherit the Cheese
  3. Spring of Love
  4. Rat Day Afternoon
  5. Mergers and Acquisitions
  6. Old Flame
  7. The Reunion
  8. Sleeps with the Fishes
  9. Strange Bedfellows
  10. This is Not a Pipe
  11. Catch Me if You Can
  12. Divorce
  13. A Good Execution is...

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]


Fmpiccolo.png