Il Re Leone III

Da WikiFur.
Copertina del DVD.

Il re leone 3 - Hakuna Matata (titolo originale: The Lion King 1½, abbreviato spesso in Il Re Leone 3) è un film d'animazione prodotto dalla Walt Disney Feature Animation nel 2002, concepito come film parallelo al trentaduesimo classico Disney Il Re Leone e distribuito esclusivamente in videocassette e DVD.
Il film, che nonostante il titolo internazionale Il Re Leone 3 non è da interpretare come un sequel de Il Regno di Simba, ha come protagonisti Timon e Pumbaa dell'universo del Re Leone e le vicende si svolgono in parallelo a quelle del primo film. I personaggi leoni come Simba o Nala sono invece secondari.

La pellicola fa comunque parte del fortunato franchise Disney de Il Re Leone composto da fumetti, libri, giocattoli, pelouche, videogiochi, serie animate televisive e persino musical. E', ancora oggi, uno dei franchise piu' sfruttati dalla Disney, oltre a quelli dei personaggi classici come Topolino o Paperino.

A differenza del film precedente, Il Regno di Simba, la pellicola ha riscosso discreto successo nelle vendite ma è stato premiato dai critici nell'animazione e sotto il profilo musicale, finalmente degne del primo capitolo[1]. Anche la trama, finalmente diversa e non piu' ispirata alle opere di William Shakespeare ha ricevuto le sue lodi, seppur a volte criticata per la sua comicità demenziale, atipica per la serie; in particolare, le dinamiche della trama ricordano vagamente quelle del film Rosencrantz e Guildenstern sono morti diretto da Tom Stoppard.

Trama[modifica]

Il film è raccontato attraverso il punto di vista di Timon e Pumbaa, rispettivamente un suricato ed un facocero antropomorfi attraverso il dispositivo letterario conosciuto come cornice narrativa. I due vengono mostrati mentre guardano l'originale Il Re Leone e si vedono le loro silhouette che commentano il film. Volendo raccontare la storia dalle loro origini, Timon riavvolge la pellicola.

Il film comincia con l'infanzia di Timon, rivelando di essere un emarginato nella sua colonia alla periferia delle Terre del Branco. Pur venendo sostenuto da sua madre Ma nel suo lavoro da sentinella, reso pessimo dall'abitudine di Timon a sognare ad occhi aperti e per questo ritenuto un inetto dallo zio Max capo della colonia, il giovane suricato è convinto che nella vita ci sia molto di piu' da fare che semplciemente sopravvivere e lascia la sua famiglia. Si avventura nell'erba alta e li' incontra Pumbaa, anch'esso emarginato per le sue micidiali flautolenze.
I due decidono di addentrarsi quindi nella giungla, dato che il loro posto è lontano il piu' possibile dagli altri animali.

Timon e Pumbaa stringono assieme un patto chiamato Hakuna Matata, ovvero vivere senza alcuna preoccupazone; tuttavia, quando il duo adotta Simba, si rende conto che prendersi cura di un cucciolo sia effettivamente una responsabilità. Il giovane leone spiega in seguito di essere anch'esso un rinnegato dalla società e viene accettato dal gruppo.
L'armonia del trio viene interrotta da Nala amica d'infanzia di Simba che lo ritrova e finalmente si innamora del giovane. Timon e Pumbaa, temendo l'integrità del lloro gruppo, cercano di evitare che i due leoni stiano insieme con insuccesso; alla fine Simba parte per rivendicare Mufasa e affrontare Scar. Amareggiati per la perdita dell'amico, Pumbaa e Timon litigano. Egoisticamente, Timon afferma di poter anche rimanere solo nella giungla spingendo il facocero ad andarsene.

Passa il tempo e Rafiki, saggia scimmia che ha aiutato Simba a trovare la sua strada, parla con Timon per farlo ragionare: il suricatoo si rende conto dell'importanza dell'affetto che ha verso Pumbaa e lo raggiunge alla Rupe dei Re; i due si perdonano l'un l'altro e Timon ritrova Ma e Max, in grave pericolo per un attacco delle iene Shenzi, Ed, Banzai.
Grazie alla furbizia acquisita negli anni, Timon mette in atto un piano per sbarazzarsi delle iene intrappolandole con successo in cunicoli sotterranei. Max riconosce le abilità del nipote e lo reintegra nella colonia.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]

Referenze[modifica]

  1. Lion King 1 1/2 Review TVGuide.