Il regno dei gufi

Da WikiFur.
Copertina del libro.
Se ti riferisci alla saga di libri che ha ispirato il lungometraggio Il regno di Ga'Hoole - La leggenda dei guardiani, visita la voce I guardiani di Ga'Hoole.

Il regno dei Gufi (titolo originale: The Ancient Solitary Reign conosciuto in alcune pubblicazioni con il titolo L'antico regno del Silenzio) è un romanzo scritto da Martin Hocke nel 1989. E' il primo libro di una trilogia ed i volumi seguenti sono Il regno perduto e Alla conquista della terra.
Il libro, di genere fantasy, segue le vicende di vari gruppi di gufi feral che interagiscono tra di loro, sullo stesso stile de La Collina dei Conigli.

Trama[modifica]

Il protagonista è Hunter, un Gufo dei Granai. All'inizio del libro, lo vedremo alle prese con la Dottrina, gli insegnamenti fondamentali, Teorici e Pratici, che vengono impartiti ad ogni pulcino. L'istruzione primaria termina con l'allontanamento da casa, cosa che avviene anche per Hunter, che va incontro al mondo, non senza qualche intoppo.
I veri problemi arrivano però quando un Gufo Mostro, mito che si credeva estinto, viene avvistato in prossimità della zona in cui vive. Toccherà proprio a questo gufo implume, raccogliere intorno a sé Gufi dei Granai, Gufi delle Foreste e i Piccoli Immigranti, per riuscire a fermare questo flagello.
Ma il Gufo Mostro non è il solo pericolo. Un'altro, più subdolo, sembra avvicinarsi di soppiatto alla vita dei rapaci.

Personaggi Principali[modifica]

  • Hunter, il giovane gufo bianco protagonista del romanzo.
  • Steeple, padre del protagonista e Gufo della Religione.
  • Dapple, madre di Hunter.
  • Quaver, fratello del protagonista, gufo orientato all'arte, la poesia e il canto.
  • Dawn Raptor, sorella di Hunter dal carattere scettico e cinico.
  • Alba, la civetta enigmatica di cui Hunter farà la conoscenza nel suo primo viaggio.
  • Yoller, allocco di casata nobile che diverrà il migliore amico del protagonista.

Specie di gufi[modifica]

I gufi del libro sono divisi in diverse "casate" o gruppi che rappresentano in verità razze diverse di gufi. Nel libro si trovano:

  • I Gufi dei Granai (probabilmente Barbagianni, visto che ad un certo punto si accenna alla loro "faccia bianca"), hanno una società ugualitaria, con un consiglio, dove l'obiettivo è istruire tutti in ugual modo, e dirigerli verso le loro capacità.
  • I Gufi delle Foreste (Probabilmente Gufi Comuni), sono divisi in caste. I "nobili" che ricevono un insegnamento approfondito, mentre gli altri gufi sono considerati ad un livello più basso, una manodopera.
  • I Piccoli Immigranti (molto probabilmente Civette) invece arrivano da oltreoceano, hanno nome italiani (Alba, Renato, Falco) e hanno una società chiusa, si sposano tra loro, mantengono le loro abitudini e non sono ben visti.
  • L'ultima razza è quella dei Gufi Nomadi dall'Orecchio Corto. Figurano poco, se non per portare le notizie, nidificano a terra e non vivono in un luogo fisso, ma non c'è nessun'altra informazione a riguardo.

Infine il Gufo Mostro è probabilmente un Gufo Reale, per le dimensioni maggiori rispetto ai protagonisti.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]


Fmpiccolo.png