Koboldo

Da WikiFur.
Un gruppo di koboldi.

Il koboldo (nome originale: kobold) è una specie fittizia presente nel gioco di ruolo da tavolo Dungeons & Dragons. Si basano sull'aspetto di creature rettiliane e sui goblin e sono presenti nel gioco sin dalla prima edizione; oltre ad essere utilizzati per creare personaggi nemici o non giocabili, i partecipanti possono scegliere di crearsi un alter ego koboldo seguendo date regole.
Essendo il koboldo una creatura d'aspetto antropomorfo, la specie è entrata a far parte di quelle utilizzate anche nella sottocultura furry per creare fursona o personaggi secondari.

Biologia[modifica]

I koboldi sono rettili antropomorfi dalla postura generalmente digitigrade, con caratteristiche simili ella reali lucertole, coccodrilli ed in alcune sottorazze anche rane. Sono esseri relativamente piccoli con un'altezza media di 60 centimetri; hanno il corpo ricoperto di spesse scaglie di vari colori, generalmente rossi, marroni o color mattone; in alcuni casi il capo è adornato da corna di vario tipo e dimensioni. Le zampe sono sempre provviste di artigli e nel caso di quelle anteriori esse sono dotate di pollice opponibile. La loro coda è spessa e potente. Generalmente hanno un corpo asciutto, agile ed un muso allungato dal quale è visibile la dentatura. Gli occhi si illuminano di rosso al buio, permettendogli di vedere anche sottoterra o in caverne, loro habiat naturale. Gli esemplari maschi sono leggermente piu' grandi e pesanti delle femmine.
A differenza dei draghi, al quale essi sono lontanamente imparentati, i koboldi sono esseri dal sangue freddo; si riparano dal freddo coprendosi con vestiti di fortuna fatti con cuoio, pellicce o tessuti rudimentali ricavati dalle teledi ragno; nel corso della loro vita cambiano i denti piu' volte; i denti caduti vengono spesso utilizzati per ornamenti. Non indossano mai scarpe. Hanno una muta molto frequente e cambiano pelle ogni stagione; per questo, anche se selvaggi, passano molto tempo a prendersi cura di sè stessi pulendo corna, denti ed artigli.

Sono onnivori ed in casi estremi possono digerire anche corteccia d'albero, cuoio, gusci d'uovo o ricorrere al cannibalismo. Sono inoltre una delle specie piu' feconde dell'universo Dungeons & Dragons; le femmine depongono le uova due settimane dopo la fecondazione e richiedono due mesi per schiudersi. I giovani koboldi aggiungono la maturità sessuale a nove anni, e possono vivere fino a 135 anni. Sebbene siano fedeli nella coppia, non hanno il concetto di monogamia.
Possono essere trovati in ogni fascia climatica, anche se i koboldi che risiedono nelle zone fredde hanno bisogno di molto piu' cibo per sopravvivere. Le loro tane sono protette da cinghiali o donnole e prevedono sempre un angolo adibito alla cova delle uova e alla raccolta del cibo.

Sottorazze[modifica]

Tra le sottorazze piu' conosciute dei koboldi spiccano gli Urd o i Dragonwrought, dotata di ali e piu' tassionomicamente vicini ai draghi, per questo considerati piu' nobili.
Altre specie comprendono i Koboldi acquatici, artici, del deserto e della giungla.

Allineamento e carattere[modifica]

I koboldi sono generalmente rappresentati sotto l'allineamento caratteriale Legale Malvagio, anche se in alcuni casi l'allineamento puo' spostarsi sul Legale Neutrale. Sono esseri territoriali e xenofobi, conosciuti per il loro odio profondo verso gli gnomi con il quale condividono le caverne ed i goblin; le frequenti guerre tra koboldi e goblin aiutano a tenere la popolazione di entrambe queste specie sotto controllo.
La loro società è organizzata secondo il loro allineamento: le colonie di koboldi costruiscono le gallerie delle loro caverne insieme e le disseminano di trappole per allontanare eventuali intrusi. Sono conosciuti per essere furbi ed ingegnosi quando si tratta di creare piani e trappole e condividono le proprie idee ed invenzioni con i membri della propria tribu'. Sebbene ricoprano maggiormente il ruolo di minatore, è possibile trovare koboldi guerrieri, guardiani, maghi o inventori. Sono, a volte, servi dei draghi, per il quale fungono da scriba; sono infatti conosciuti per aver inventato la forma scritta del Draconico.

Nella loro religione, le divinità piu importanti del loro culto sono Kurtulmak, dio della guerra e Gaknulak, dio dell'inganno. Credono nella reincarnazione.

Parlano un dialetto della lingua Draconica con un accento particolare che li fa somigliare a versi di cani di piccola taglia; alcuni imparano altre lingue, tra le quali quella dei goblin, degli orchi e delle creature dei sotterranei.

Pubblicazioni[modifica]

I koboldi appaiono sui manuali di gioco sin dalla primaedizione di Dungeons & Dragons: la loro prima scheda dettagliata risale al 1975 nel supplemento intitolato Blackmoor. Nel 1982 vengono pubblicati dettagli sulla loro mitologia e tradizioni e nel 1987 la rivista Dragon pubblica lo scenario Tucker's kobolds che vede come protagonisti una banda di koboldi antropomorfi in varie avventure.
Dal 1989 i koboldi diventano una razza giocabile con l'articolo Hey, Wanna Be a Kobold? nel numero 141 della rivista Dragon.

L'Urd è stato invece introdotto nel manuale Monstrous Compendium Volume One del 1989. Le sottorazze appaiono invece nel manuale Unearthed Arcana del 2004.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]