Looney Tunes: Back In Action

Da WikiFur.
Copertina del DVD.

Looney Tunes: Back In Action è un film di genere azione e comico, diretto da Joe Dante e prodotto dalla compagnia statunitense Warner Bros. Family Entertainment nel 2003. Il film è a tecnica mista, ed ha elementi sia in live action che animati. E' il secondo film in live action dei Looney Tunes e sebbene non sia un sequel diretto di Space Jam, ne condivide alcune caratteristiche.

Si rilevo' essere un flop commerciale, incassando solo 68 milioni di dollari su un budget iniziale di 80 milioni[1]; le recensioni che accompagnarono il film furono tuttavia positive e migliori rispetto a quelle di Space Jam; il critico Roger Ebert pubblico' un giudizio positivo sul suo sito ufficiale[2]; il sito aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes, invece, ne registra un voto complessivo del 57% basato su 134 recensioni[3].

Trama[modifica]

Daffy Duck viene licenziato dagli studios della Warner Bros perché durante un meeting di lavoro si dimostra troppo geloso del suo amico/rivale Bugs Bunny, e non appena chiede ai manager di essere più riconoscenti nei suoi confronti, viene accompagnato alla porta senza tanti complimenti. Lo stuntman DJ Drake (interpetato da Brendan Fraser) viene incaricato di scortarlo fuori dagli studios, ma provoca per vari motivi il crollo della torre dell'acquedotto e viene cacciato a sua volta.
Una volta tornato a casa, DJ scopre che Daffy l'ha seguito, non avendo un posto dove stare. I due iniziano a indagare su Damian Drake, il padre di DJ, che è effettivamente un agente segreto, coinvolto in un caso che riguarda il misterioso diamante "Scimmia Blu", il quale si dice abbia strani poteri. Dalle poche informazioni in loro possesso, sembra che Damian sia in pericolo, per questo DJ parte con Daffy nel tentativo di salvarlo, sapendo solo che deve incontrare a Las Vegas una certa "Dusty Tail", un contatto di suo padre: quello che non sanno, però, è che il malvagio presidente della ACME li sta spiando e vuole impossessarsi a tutti i costi della Scimmia Blu.

Contemporaneamente, i boss della Warner rivelano che non avevano veramente intenzione di licenziare Daffy, perciò costringono Kate Houghton (interpretata da Jenna Elfman), una dei loro sottoposti, a rintracciarlo; pena il licenziamento. Bugs Bunny la segue nella speranza di ritrovare la sua spalla preferita.

Dopo varie peripezie, i quattro personaggi si incontraranno e le tracce di Damian li porterà a visitare anche l'Area 52 (parodia dell'Area 51), il Museo del Louvre a Parigi e per finire la giungla africana, luogo dove sarebbe nascosto il diamante Scimmia Blu. Il presidente della ACME dal canto suo li tiene sempre sotto controllo, sguinzagliando contro di loro alcuni fra i più celebri "cattivi" dei Looney Tunes (Yosemite Sam, Wile E. Coyote, Taddeo, Taz e Marvin il marziano).

Nel finale, Daffy si trasforma nel suo alter ego, l'eroe spaziale Duck Dodgers, e assieme a Bugs sconfigge il presidente della ACME ed i suoi scagnozzi; intanto DJ, grazie alla sua abilità da stuntman, salva se stesso, Kate e il padre da morte certa. Il vero finale, però, svela che tutta questa avventura non era nient'altro che l'ennesimo film girato negli studi Warner e così Daffy, che lo volesse o no, si è ritrovato costretto a recitare ancora una volta a fianco del coniglio da lui tanto odiato.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]

Referenze[modifica]

  1. Looney Tunes: Back In Action su Box Office Mojo.
  2. Looney Tunes: Back In Action, Roger Ebert, 14 Novembre 2003.
  3. Looney Tunes: Back In Action su Rotten Tomatoes.


Universo Looney Tunes

Cortometraggi

Baby Looney TunesClassici Looney TunesDuck AmuckDuck DodgersI misteri di Silvestro e TittiLoonatics UnleashedTazmaniaTiny ToonsThe Looney Tunes ShowWhat's Opera, Doc?

Lungometraggi

Looney Tunes: Back In ActionSpace Jam

Videogiochi

Bugs Bunny e Taz in viaggio nel tempoBugs Bunny: Lost in TimeLooney Tunes: Duck AmuckSheep, Dog & WolfTaz: Wanted

Schede personaggi

Beep BeepBugs BunnyDaffy DuckGatto SilvestroLola BunnyPepè Le PewPorky PigRalph Il LupoSpeedy GonzalesTazTittiWile E. Coyote