Madagascar (film)

Da WikiFur.
Copertina del DVD.
Se ti riferisci alla serie di film, visita la pagina Madagascar (serie).

Madagascar è un film d'animazione in computer grafica, diretto da Eric Darnell e prodotto dalla compagnia statunitense DreamWorks Animation nel 2005; è il primo capitolo della saga di lungometraggi Madagascar, la quale ha generato un franchise multimediale che comprende, oltre ai film, una serie televisiva e vari videogiochi. E' direttamente seguito dai capitoli Madagascar 2 - Escape 2 Africa e Madagascar 3 - Ricercati in Europa; inoltre, da esso è tratto un videogioco omonimo, distribuito per varie console.

Il film ottenne recensioni mediocri, risultanti in un voto complessivo del 55% sul sito aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes, basato su 185 giudizi[1]. Nonostante cio', fu un successo commerciale, incassando mondialmente circa 532 milioni di dollari[2] e diventando uno dei franchise piu' redditizi della DreamWorks, superato solo da How To Train Your Dragon, Shrek e Kung Fu Panda.

Trama[modifica]

I protagonisti principali del film sono quattro animali antropomorfi: Alex, un leone, Marty, una zebra maschio, Gloria, un ippopotamo femmina e Melman una giraffa maschio.
Vivono allo zoo di Central Park a New York, vicini di recinto ed inseparabili amici. Alex, in particolare, è un leone molto pacifico (poichè viene nutrito dai veterinari dello zoo) ed esibizionista, in quanto viene chiamato il "Re di New York" da organizzatori e spettatori.

Un giorno, nel compleanno di Marty, un gruppo di pinguini formato da Skipper il capo, Rico, Kowalski e Soldato, anche loro animali dello zoo, tentano di scappare verso l'Antartide scavando un tunnel, ma, essendo impossibile, finiscono per sbaglio nel recinto di Marty, al quale accennano in segreto il loro piano di fuga. La zebra comincia così a pensare al mondo naturale al di fuori delle mura dello zoo e vorrebbe scappare anche lui, come desiderio del suo compleanno. Sembra che i suoi tre amici siano riusciti a fargli cambiare idea, ma nella notte Marty fugge ed Alex, Gloria e Melman vanno a cercarlo per riportarlo indietro. Gli animali non vengono certo ignorati per le strade della Grande Mela, che vengono cosi' catturati e (sotto pressione degli animalisti) spediti in Kenya via nave, assieme ai quattro pinguini.

Scappati dalle loro gabbie, i pinguini tramortiscono il capitano della nave e dirottano il naviglio in Antartide, facendo cadere in acqua le casse di Alex e amici a causa di una brusca virata. Le casse naufragano nell'isola di Madagascar, e i quattro animali, essendo nati in cattività, si sentono sperduti ed inpericolo in mezzo alla natura.
Sull'isola pero', Marty e gli altri trovano un'abbondante popolazione di lemuri, capitanati dall'autoproclamato Re Julien XIII, un lemure istrionico ma simpatico, che, accompagnato dai due consiglieri Maurice e Mortino, vive con i suoi simili sopra un gigantesco baobab. I lemuri sono felici di accogliere i tre animali erbivori del gruppo, ma hanno via via sempre piu' timore di Alex, che lo riconoscono come animale carnivoro (i lemuri ed altri animaletti vengono spesso cacciati da un branco di fossa).

Alex infatti è a digiuno da giorni e comincia a vedere gli altri animali come prede. Spaventato anche da se stesso, dopo un attacco isterico si isola nella giungla, avvicinato poi dai fossa. Intanto i pinguini arrivano in Antartide, ma scoprono come cosa contro-natura che il ghiaccio non fa per loro e decidono di tornare a New York, sempre con la nave. Tornano indietro, dirottando sulle rive di Madagascar quando vedono Glora, Melman e Marty gridare aiuto sulla spaggia. Vista la nave, Marty decide di andare a chiamare il suo amico felino per riportarlo a casa, ma una volta nella giungle viene attaccato dai fossa.
Per fortuna Alex, divetato un animale selvaggio a tutti gli effetti, uccide Ferox, il capo dei fossa, facendo scappare l'intero branco. Ormai rinsavito, il leone si riappacifica con la zebra.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]

Referenze[modifica]

  1. Madagascar su Rotten Tomatoes.
  2. Madagascar su Box Office Mojo.