Peter-No-Tail in Americat

Da WikiFur.
(Reindirizzamento da Pelle Svanslös i Amerikatt)
Poster originale svedese.
Per altre opere con lo stesso nome, consulta la voce Peter-No-Tail.

Peter-No-Tail in Americat (titolo originale: Pelle Svanslös i Amerikatt; titolo italiano: Peter Senza Coda in Americat; alternativamente intitolato negli Stati Uniti come Peter-No-Tail in America) è un lungometraggio animato di origine svedese, diretto da Stig Lasseby e prodotto dalla compagnia Svenska Filminstitutet nel 1985. Ha come protagonisti vari gatti antropomorfi, ed è basato sulla serie di libri illustrati Peter-no-Tail, scritti da Gösta Knutsson a partire dal 1939. Il film, presentato nelle sale cinematografiche svedesi e poi distribuito attraverso il mercato home-video in Europa e Stati Uniti, incasso' nel suo paese d'origine circa 4 milioni di corone svedesi, ed è generalmente conosciuto per i suoi temi surreali e scene oniriche.
In Italia è stato trasmesso televisivamente nel 1995 sul canale a pagamento Tele+[1]. E' il seguito diretto di Peter-no-Tail‏‎ del 1981.

Trama[modifica]

Peter è un gattino nato in una fattoria nella campagna svedese, il quale ha perso la coda in seguto ad un morso di un grosso ratto e si è cosi' guadagnato il soprannome Senza Coda. Vive con la ragazza, Molly Silk-Nose, a Uppsala, in Svezia, dov'è conosciuto per la sua mancanza di coda, ma anche per i suoi modi gentili e dolci, che il gattaccio Mean Mike ed i suoi scagnozzi Bill e Bull odiano. Peter decide di compensare la sua mancanza di coda mettendosi a studiare, e per questo riceve una laurea ad honorem dall'università di Uppsala. Viene cosi' visitato dal suo parente, Peter Swanson, che lo invita a visitare gli Stati Uniti (chiamati nel cartone Americat) dove tutto è piu' grandioso. Peter, pero', abituato alla campagna e alla piccola città, si sente spaesato una volta approdato nella grande metropoli e vive varie avventure, tra le quali l'attacco da parte di un branco di ratti giganti e l'incontro con un gatto nativo-americano, che attraverso una serie di viaggi allucinogeni fa sognare al gatto di avere una coda lunga, folta e dorata, per il quale si guadagna il soprannome Peter Gold-tail (Peter Coda D'oro).

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]

Referenze[modifica]

  1. Peter senza coda su 80s Otaku.