Winnie Puh (libro)

Da WikiFur.
(Reindirizzamento da Winnie Pooh)
Per altre opere con protagoniste lo stesso personaggio, visita la pagina di disambiguazione Winnie the Pooh.
Christopher Robin con il pelouche di Winnie Puh.

Winnie Puh (titolo originale: Winnie-the-Pooh) è una raccolta di racconti per ragazzi scritta da Alan Alexander Milne nel 1926; la prima edizione è stata illustata da E. H. Shepard. Il libro racconta le varie avventure di alcuni pupazzi appartenenti al figlio di Milne, Cristopher Robin, che diventano senzienti. Anche Cristopher è un personaggio del libro ed interagisce con gli animali.

Personaggi e Trame[modifica]

Il primo libro nel quale appare Winnie Puh è la raccolta di racconti omonima pubblicata nel 1926 che Milne aveva scritto principalmente per il figlio, Christopher Robin che, disponendo di una serie di animali in peluche, era solito creare storie con il padre.

Uno dei primi disegni che apre il libro è quello di una mappa del mondo in cui si svolgono le vicende. Questi luoghi sono reali, in quanto all'epoca della stesura del libro la famiglia Milne aveva acquistato una casa di campagna nel sud est dell'Inghilterra. I luoghi rappresentati sulla mappa sono quindi quelli in cui Christopher Robin era solito giocare e inventare le storie.
Anche gli eventi degli episodi sono reali, ma ovviamente alterati dalla fantasia e l'immaginazione.

I personaggi, come detto prima, sono le versioni "viventi" dei pupazzi del bambino: l'orso Edoardo, il giocattolo più vecchio, l'asino Isaia, un altro regalo dei genitori, e Porcelletto, regalato dalla vicina di casa. Siccome questi primi personaggi non erano abbastanza per le varie vicende, il padre aggiunse subito due animali reali alla storia: Coniglio e Gufo. Due nuovi giocattoli che andarono a rinforzare il cast dei personaggi furono la coppia mamma-figlio di Kan e Guro (due canguri). Tigro, personaggio importante sopratutto nei cartoni della Disney, è inesistente nel primo libro e viene introdotto solo nella seconda raccolta: La strada di Pooh (1928).
Lo stesso "ascoltatore" di queste storie, Christopher, è uno dei protagonisti del libro, in quanto interviene sia come personaggio nelle storie che come voce fuori campo che conversa e fa domande al padre, il narratore, e cambia o aggiunge elementi ai vari episodi.

Anche il nome di Puh ha una storia particolare e il suo significato viene spiegato nell'introduzione del libro: originariamente chiamato Edoardo, fu rinominato Winnie Puh da Christopher per due motivi. Winnie era il nome di un orso bruno che i Milne erano soliti visitare allo zoo di Londra. Puh era invece il nome di un cigno.

Il libro è diviso in dieci capitoli indipendenti tra loro che raccontano ognuno una favola diversa. Possono essere letti individualmente senza avere alterazioni sulla trama. I titoli dei capitoli sono molto lunghi e costituiscono da sinopsi alla storia.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]


Fmpiccolo.png