La banda del Rock

Da WikiFur.
(Reindirizzamento da I musicanti di Brema (film))
Copertina del VHS italiano.

La banda del Rock - I musicanti di Brema (titolo originale: Die furchtlosen Vier, conosciuto anche con il titolo inglese The Fearless Four) è un lungometraggio tedesco-americano di genere musical diretto da Michael Coldewey, Eberhard Junkersdorf e Juergen Richter prodotto e distribuito in Italia dalla Warner Bros. Pictures nel 1997. Il film è realizzato maggiormente con tecniche di animazione tradizionali e contiene alcuni elementi di sfondo realizzati in computer grafica. Si basa vagamente sulla fiaba popolare dei Musicanti di Brema e ha come protagonisti quattro animali in forma feral; un asino, un cane, una gatta ed un gallo; gli antagonisti sono invece umani.

Il film è stato tradotto in francese, spagnolo, inglese e italiano; i doppiaggi italiani ed inglesi hanno come voce cantante dei personaggi James Ingram, B.B. King, Oleta Adams e Zucchero Fornaciari.

Trama[modifica]

Il film segue le avventure di quattro animali che, ormai stanchi di essere maltrattati dai loro padroni, scappano di casa e si incontrano casualmente, scoprendo di essere tutti appassionati di musica. Essi sono Buster, un cane da caccia dalla pelliccia marroncina non avvezzo a dare la caccia alle volpi (preferisce infatti essegli amico, e corteggiarle quando sono femmine), Fred, un asino sconsolato stanco di portare pesanti carichi in giro per la fattoria, Guendalina, una gatta siamese sofisticata e capace di leggere e scrivere, la quale pero' viene cacciata di casa dagli eredi quando la sua vecchia padrona passa a miglior vita, e Tortellini, un gallo fiero e chiacchierone che sta per esser portato via dal macellaio.
Il gruppo intende dirigersi a Parigi per intraprendere la carriera di rockstars, ma si perde nel bosco e quella stessa notte una civetta annuncia loro che la direzione presa è completamente opposta alla metropoli. La città piu' vicina è, tuttavia, Brema.

Il giorno dopo, i quattro animali decidono di improvvisare concerti nella piazza di Brema. Riescono ad attirare l'attenzione dei passanti e, nonostante l'ordinanza cittadina contro gli artisti di strada, il gruppo viene preso in considerazione dalla multinazionale Mix Max che decide di farne delle star. Scoprono pero' che la compagnia è in realtà una prigione ed un macello per animali (anche domestici) e decidono di distruggerla dall'interno.

Tagli e Censure[modifica]

Varie scene sono state cancellate dalla versione originale, o accorciate, quando il film è stato distribuito fuori dalla Germania (con un taglio internazionale di 81 minuti rispetto agli 87 originali), come segue:

  • È stata eliminata una breve sequenza in cui un'ape si posa sulla foto di una rivista infilzandolo il seno di una donna con il suo pungiglione, e successivamente bucandolo come un palloncino.
  • La scena in cui Fred viene torturato dalla macchina della "tortura del solletico" è stata notevolmente ridotta in alcune versioni al di fuori della Germania o completamente rimossa in altre.
  • Le scene in cui il dottor Greed tenta di assumere un assassino per uccidere il proprietario di un'azienda rivale vengono completamente rimosse.
  • C'è una scena molto suggestiva nell'originale in cui Guendalina seduce apertamente Platini con atteggiamenti esplicitamente sexy ed allusivi durante una canzone (rimasta ovviamente inedita), in cui il produttore discografico appare visibilmente conturbato. La scena è stata tagliata dalle versioni internazionali, molto probabilmente a causa di una presunto suggerimento ad un'implicito atto di bestialità.
  • Il finale della versione tedesca mostra gli animali, incluso il topolino Mozart, che bevono vino e spumante per celebrare la loro vittoria e il loro futuro come musicisti itineranti, e si mostrano in atteggiamente palesemente da ubriachi. Questo è stato rimosso in alcune versioni internazionali.

Sono state inoltre eliminate alcune parolacce e volgarità dai dialoghi in sede di doppiaggio (come quando Buster esordisce con un Scheisse che tradotto vuol dire Merda).

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]