Boog & Elliot - A caccia di amici

Da WikiFur.
(Reindirizzamento da Open Season)
Locandina italiana del film.

Boog & Elliot - A caccia di amici (titolo originale: Open Season) è un lungometraggio animato in computer grafica prodotto dalla compagnia statunitense Sony Pictures Imageworks nel 2006. E' ambientato negli Stati Uniti d'America, e ha come protagonisti animali semi-antropomorfi ed alcuni personaggi umani secondari.

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 7 Dicembre 2006; nonostante le critiche varie che lo hanno ritenuto un film per niente eccezionale o fuori dalle righe[1], la pellicola è riuscita compunque a riscuotere un discreto successo tra il pubblico infantile arrivando ad un incasso globale di 197 milioni di dollari[2].
Dal film sono stati tratti due sequel, Boog & Elliot 2 nel 2009 Boog & Elliot 3 nel 2011 e Boog & Elliot 4 - Il mistero della foresta nel 2016, entrambi distribuiti esclusivamente in DVD.

Trama[modifica]

Boog è un simpatico e pigro orso grizzly che vive nella piccola città di Timberline, situata vicino ad un'enorme foresta in cui si trova un territorio di caccia aperto una volta all'anno. L'orso vive con una ragazza di nome Beth, amante degli animali che lo accudisce come fosse un animale domestico.

Un giorno in città i due notano l'automobile di Shaw, noto cacciatore del luogo, sul quale è legato un cervo apparentemente morto e senza un corno. Il cervo, di nome Elliot, si risveglia ed impietosisce Boog che riesce a liberarlo di nascosto al cacciatore. Quella sera, Elliot si reca a casa di Boog per ringraziarlo; convintolo a fare un giro notturno in città, i due finiscono per scassinare un negozio e fare indigestione di dolciumi. Quando la polizia arriva Elliot riesce a fuggire, ma Boog, stordito dallo zucchero assunto, viene catturato e riportato a casa. Il giorno dopo, mentre Boog e Beth stanno per mettere in scena uno spettacolo, Shaw inizia a inseguire Elliot, che tenta di nascondersi dietro le quinte, dove c'è già Boog. I due iniziano a litigare, ma il pubblico crede che l'orso voglia uccidere il cervo e fugge terrorizzato. Per sedare la rissa, Beth colpisce Boog ed Elliot con dei proiettili anestetici. Sotto suggerimento dello sceriffo Gordy, la ranger conduce con l'elicottero i due animali nella foresta, fuori dal territorio di caccia, dove li lascia ancora dormienti.

Il mattino seguente Boog si risveglia e realizzando di essere nella foresta va in panico: il grizzly è cresciuto in cattività e non sa come vivere all'aria aperta. Dopo aver fatto incastrare Elliot nel terreno col suo corno rimasto, Boog cerca di tornare a casa, tornando ogni volta nel punto dove il cervo è bloccato. Decide quindi di fidarsi di Elliot, che gli ha detto di saper tornare a Timberline e lo libera dalla scomoda posizione. I due partono per tornare da Beth e, durante il percorso, incontrano molti animali del bosco, i quali si dimostrano ostili, in special modo con Boog, reo di avere un atteggiamento da cittadino, ignaro delle regole del bosco. Incrociano anche, per caso, il vecchio branco di Elliot e l'orso scopre che il capo Ian lo aveva cacciato per colpa della sua inutilità e per il fatto che fosse innamorato di Giselle, la sua compagna. Quella sera i due riescono a non litigare, conoscendosi meglio.

Il giorno dopo Boog scopre casualmente che Elliot gli ha mentito e in realtà non sa come tornare a casa. Vengono però raggiunti da Shaw, che inizia a sparare loro. Cercando di sfuggirgli, Boog sale sulla diga di un gruppo di castori, la quale, non essendo in grado di reggere il peso di un orso, crolla e fa straripare il fiume. L'inondazione travolge Boog, Elliot, Shaw e gli animali incontrati prima, trasportando tutti nel territorio di caccia.

Gli animali si arrabbiano con Boog per l'accaduto, ma quest'ultimo, furioso per essere stato ingannato da Elliot, scarica la colpa sul cervo, con il quale decide di rompere ogni legame. Mentre nella foresta gli animali cercano un nascondiglio, Boog si avvia da solo verso Timberline. Decide però di aiutare Elliot quando vede un gruppo di cacciatori dirigersi verso il bosco per la stagione di caccia, che si aprirà il giorno seguente.

Dopo aver fatto la pace, Boog ed Elliot si apprestano a lasciare il bosco, venendo implorati dagli altri animali di aiutarli a nascondersi. Sul punto di andarsene, gli animali notano che i cacciatori sono già arrivati e precludono la strada per Timberline. Essi stanno per arrendersi, ma per fortuna Boog organizza una rivolta con l'aiuto di Elliot e degli altri animali, a cui si aggiunge anche Wurstellini, il bassotto di Bob e Bobbie, ossia due coniugi alla ricerca di Bigfoot. Il giorno seguente il gruppo mette in atto la rivolta, costringendo i cacciatori a tornare a casa a mani vuote. Mentre gli animali festeggiano, arriva sul posto Shaw, determinato a uccidere Boog. Quando il cacciatore sta per sparare, Elliot si fa lanciare da Ian, ricevendo il proiettile al posto dell'orso. Furioso, Boog si avventa su Shaw, legandogli braccia e gambe con il fucile. Per fortuna Elliot sta bene ed è solo un po' intontito, ma ha perso anche l'altro corno.

Poco dopo atterra un elicottero, che costringe gli animali a nascondersi. Da esso scende Beth, che intende riportare Boog a casa: sul punto di salire sull'elicottero, l'orso decide di rimanere nella foresta con i suoi amici. Beth allora gli dà un affettuoso addio e si allontana in elicottero, mentre Boog, Elliot e gli altri animali si divertono nel bosco. Intanto Shaw viene rapito da Bob e Bobbie, i quali lo hanno scambiato per Bigfoot.

Personaggi[modifica]

  • Boog: Uno dei protagonisti del film: è un grosso orso grizzly dalla pelliccia marrone scuro e la postura plantigrade e animalesca. E' il migliore amico e l'animale domestico di Beth; dovrà tuttavia imparare a vivere nella natura.
  • Elliot: Un cervo beige con un sol corno dall'anatomia caricaturale, secondo protagonista del film e spalla comica del duo. E' spensierato ed impacciato, ma anche molto leale.
  • Beth: Il ranger di Timberline, amante degli animali e madre adottiva di Boog.
  • Shaw: Spietato cacciatore di Timberline, prende di mira sia Boog che Elliot.
  • Ian: Il cervo capo dell'ex branco di Elliot, presuntioso e bullo, ha cacciato via il cervo dal corno mancante perchè era sentimentalmente interessato a Giselle.
  • Giselle: Cerbiatta contesa da Ian ed Elliot. Diventa la ragazza di Elliot a fine film.
  • McSquizzy: Un vecchio scoiattolo grigio veterano della foresta che dapprima vede Boog come un provincialotto intruso. Conduce una rivolta degli animali della foresta contro i cacciatori.

Vedi anche[modifica]

Link esterni[modifica]

Referenze[modifica]

  1. Boog & Elliot su Rotten Tomatoes.
  2. Boog & Elliot su Box Office Mojo.